Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e analizzare il nostro traffico. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze.
Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie, in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Scoliosi nell'adolescente: è utile il busto?

AddThis Social Bookmark Button

La scoliosi idiopatica colpisce il 3% dei giovani sotto i 16 anni, ma solamente nello 0.3%-0.5% evolve in una anomalia vertebrale che necessita di trattamento. La progressione della curvatura < 40 gradi generalmente si stabilizza senza conseguenze, mentre una curvatura > 50 gradi aumenta il rischio di deformità progressive, sia a carico dei dischi, sia a carico delle articolazioni intervertebrali, sia a livello neurologico.

Il busto rigido toraco-lombare costituisce il trattamento incruento più adottato per prevenire il peggioramento della curvatura oltre i 40 gradi, ma non ci sono studi importanti che ne giustifichino l’uso.

Con un lavoro multicentrico sono stati esaminati 242 pazienti di età compresa tra 10 e 15 anni, affetti da scoliosi idiopatica (angolo di Cobb * compreso tra 20 e 40 gradi); di questi, 116 hanno accettato di entrare nello studio in modo randomizzato, venendo assegnati casualmente alla semplice osservazione o al trattamento mediante busto ortopedico. I rimanenti 126 soggetti hanno scelto tra il busto (71%) e l’osservazione.

Il tasso di successo (raggiungimento della maturità scheletrica con una curva di Cobb < 50 gradi) è stato del 72% nei 146 pazienti trattati e del 48% nei 96 sottoposti a semplice osservazione (Odds Ratio 1.96). La positività del trattamento è risultata direttamente proporzionale al tempo giornaliero in cui il busto è stato indossato: risultato positivo in oltre il 90% dei soggetti che avevano indossato il busto per almeno 12 ore al giorno e nel 41% di quelli che lo avevano indossato per non più di 6 ore.

(*) angolo di Cobb: i gradi delle curve secondo il metodo di Cobb che si può agevolmente impiegare attenendosi alle seguenti regole: si tirano dapprima due linee parallele di cui una sul margine superiore della vertebra terminale superiore, l’altra sul margine inferiore della vertebra terminale inferiore; si tirano poi altre due linee perpendicolari alle precedenti, misurando il loro angolo di intersezione.

 

 

Il commento a questo articolo:

Indubbiamente il busto ortopedico ottiene migliori risultati che non l’evoluzione spontanea della scoliosi idiopatica, anche se lo studio è in parte inficiato dal fatto che molti partecipanti hanno rifiutato la randomizzazione.

La percentuale di stabilizzazione spontanea al di sotto dei 50 gradi senza trattamento è stata comunque del 48%. Occorre scegliere la strategia da adottare in base alle caratteristiche del soggetto: prescrivere il busto solamente a quelli che effettivamente lo indossino per un numero di ore sufficiente.

 

fonte: 

New England Journal of Medicine